fbpx

Stoccolma

Stoccolma, capitale svedese che si è meritata l’appellativo di “Venezia del Nord”, è una città ecologica ed efficiente. Il 70% dell’energia proviene da fonti pulite ed è sempre ai primi posti nelle classifiche di città più vivibili del mondo. Stoccolma è anche il cuore finanziario dell’Europa settentrionale e il porto più importante del Mar Baltico. Ma oltre a ciò, la capitale svedese si distingue per il suo grande fascino: è una città adagiata su tante piccole isole e ospita i monumenti più belli di tutta la Svezia.

Il cuore storico di Stoccolma è il Gamla Stan, l’isola più antica della città. Qui sorgono alcuni dei monumenti più importanti, primo fra tutti il Palazzo Reale. Questa residenza imperiale nacque nel 1754 dall’adattamento della precedente fortezza medievale, realizzato da Nicodemus Tessin, su incarico di re Carlo XI. Questo trionfo di barocco e rococò si sprigiona all’interno di un edificio abbastanza austero dominato da volumi ben definiti. Solo la facciata, rivolta verso est, mostra tutta la maestosità della corte svedese: tre ordini di finestre sovrapposte, l’uno diverso dall’altro, adornano il palazzo con semicolonne, trabeazioni, lesene e statue. Lasciatevi incantare dalla maestosità degli ambienti dove vivevano i reali di Svezia: grandi saloni dove lampadari e finestre si riflettono in specchi che ne raddoppiano la luminosità, ampi corridoi con soffitti a botte interamente affrescati e scaloni monumentali che conducono in stanze da sogno.

ancient ship at vasa museum, stockholm, sweden

Il secondo monumento più importante del Gamla Stan è la Cattedrale (Storkykan) dedicata a San Nicola. Il suo punto di forza è l’interno: una struttura gotica a cinque navate divise da colonne a fusto in mattoni rossi. Diversa dalle cattedrali gotiche del centro Europa, più alte e buie, San Nicola presenta molti elementi in stile barocco derivanti dai rimaneggiamenti avvenuti durante il ‘700. Le alte colonne bianche e rosse creano l’illusione di entrare in una foresta di pini finlandesi tinti dal rosso del tramonto. La Cattedrale è conosciuta soprattutto perché nel ‘500 Olaus Petri pronunciò qui molte delle sue infiammate orazioni che furono decisive per la conversione del paese al protestantesimo.

Un giorno del vostro viaggio a Stoccolma si consiglia di dedicarlo interamente al Djurgården, l’enorme oasi naturalista della città, sull’isola omonima, che ospita al suo interno due musei caratteristici. Questo parco è molto frequentato dagli abitanti di Stoccolma soprattutto in autunno, quando il rapido cambiamento di colori nelle chiome degli alberi, regala uno spettacolo unico di giallo e rosso, divenuto anche soggetto di un vero e proprio culto da parte dei fotografi. Nella parte ovest dell’isola di Djurgården è situato il Museo Vasa: questo museo è dedicato al grande vascello Vasa costruito tra il 1625 e il 1628 per volere di re Gustavo II Adolfo. Quest’opera di ingegneria nautica fu però un fallimento poiché il 10 agosto 1628, il giorno dell’inaugurazione, bastarono due forti folate di vento per far perdere l’equilibrio al vascello e farlo inabissare nelle profondità del Mar Baltico. Nel 1961 il governo svedese decise di recuperare il relitto del vascello e riportarlo all’antico splendore per farne un’attrazione turistica. L’enorme vascello ormeggiato all’interno del museo invita i visitatori a salire a bordo per andare alla scoperta di nuove terre verso l’estremo nord del paese.

Scenic summer view of the Old Town pier architecture in Sodermalm district of Stockholm, Sweden

Altra tappa imperdibile in un viaggio a Stoccolma è lo Skansen, il museo all’aria aperta dove è possibile immergersi nella vita rurale della Svezia di un secolo e mezzo fa. Il museo nacque dall’idea geniale di Arthur Hazelius che, preoccupato per la perdita delle tradizioni locali che stavano scomparendo a vista d’occhio durante la rivoluzione industriale, decise di acquistare 150 abitazioni rurali provenienti da ogni parte della Svezia per realizzare un vero e proprio villaggio sospeso nel tempo.

Se siete amanti della tranquillità e cercate un posto dove meditare o semplicemente passeggiare lontani dai rumori cittadini, potete visitare lo Skogskyrkogården, il “Cimitero del Bosco”, dove le lapidi sono alternate ad alberi e gli unici suoni che udirete saranno il cinguettio degli uccelli e il frusciare delle foglie. Se siete appassionati dei film americani del passato, qui potrete visitare la tomba della “Divina” Greta Garbo, affascinante femme fatale che stregò una generazione.

Anche Stoccolma, come quasi ogni altra capitale del nord, ospita un Luna Park cittadino: il Grona Lund. Niente di meglio di un pomeriggio di divertimento sulle montagne russe per concludere la visita della capitale svedese tra sbalzi di adrenalinici e una romantica cena sul canale Ladugardslandsviken.