fbpx

Londra - Ponte dell'Immacolata - Dicembre 2016

Londra è una delle capitali europee che preferisco. La prima volta ci sono andata in vacanza studio quando avevo 16 anni… meglio non specificare l’anno… e ci sono tornata a più riprese. L’anno scorso per il ponte dell’Immacolata ho messo la ciliegina sulla torta… Londra sotto le feste.

 

La città è addobbata a festa e brulica di vita… i londinesi in questo periodo dell’anno litigano con i turisti… i marciapiedi su Oxford Street, la via dello shopping per eccellenza, sono veri e propri percorsi di sopravvivenza… ma l’aria che si respira è unica e magica.

 

L’albergo è a Earls Court vicino alla fermata della metro ed è un Best Western piccolo e modesto ma confortevole… albergo tipicamente londinese… la prima colazione non è inclusa ma dietro l’angolo ci sono un paio di locali dove manca solo l’imbarazzo della scelta… eggs and bacon come se piovesse… e poi gli Starbucks si sprecano.

 

Una giornata la dedichiamo alla Tower of London e al Tower Bridge con tanto di mini crociera sul Tamigi. La Torre di Londra è un vero gioiello con i famosi corvi della regina che sono trattati come veri e propri milord… la leggenda dice che fino a che ci saranno i corvi la monarchia sarà al sicuro… Qui si possono ammirare anche i Gioielli della Corona con pietre preziose di valore inestimabile come, ad esempio, il Koh-i-Noor ed il Diamante Cullinan e il vecchio castello dove oggi sono esposte le armi e le armature dell’epoca. Passeggiare sulle vecchie mura permette di ammirare scorci incredibili della città e del Tower Bridge con le sue maestose torri. Una volta uscita dalla Torre mi dirigo all’imbarcadero di fianco al castello dove si parte per la gita sul Tamigi con tanto di pranzo a bordo.

londra-blog5
londra-blog3

La crociera dura 3 ore ca ed è veramente una chicca… si ha l’imbarazzo della scelta durante la navigazione… la vista dal fiume è particolare… si passa dal classico Houses of Parliament con il meraviglioso Big Ben al London Eye (la ruota panoramica), dalla cupola di St. Paul Cathedral allo Shard (l’ultimo grattacielo costruito), dal Tower Bridge ai quartieri a sud della City… che sono veramente colorati e di tendenza…
anche il pranzo a bordo merita… pesce e contorno, dolce e del buon vino… una bella combinazione!

 

La sera a Londra la vita non si ferma… dai pub ai locali notturni, dai cinema ai teatri… e così decido di andare a vedere Il Fantasma dell’Opera all’Her Majesty’s Theatre. Una esperienza che consiglio a tutti. Il musical è sulla scena dal 1986 ed ha debuttato proprio qui in questo teatro: quello che è incredibile è come tutto si svolga in pochi metri quadrati, quelli del palco, anche i cambi scenografia. Qui il musical lo si può godere in tutta la sua maestosità.

 

Se non si vuole andare a teatro si può vagare per Picadilly Circus o Leicester Square. Pub, ristoranti e locali di ogni genere si sprecano.

 

Il cuore lo lascio comunque a Westminster… ci sono già stata tante volte ma è sempre un’emozione nuova… al centro della piazza, sui quattro lati, si possono ammirare The Houses of Parliament con il Big Ben, la Cattedrale di Westminster (qui si sono sposati William e Kate e qui si sono svolti i funerali di Lady Diana), e guardando a nord, lungo Parliament St, si vede la colonna con l’ammiraglio Nelson a Trafalgar Square.

 

Vi piace il gotico? Qui è un trionfo di guglie e colori… dentro la cattedrale ci sono tombe di personaggi famosi come Byron e Newton, Darwin e Dickens e tanti altri ancora… il coro è poi un vero e proprio capolavoro…fate assolutamente un giro… anche se è a pagamento e c’è fila!

londra-blog4
londra-blog2

Da qui proseguo su Parliament St e arrivo a Trafalgar Square. Sulla piazza si affaccia la National Gallery con il suo colonnato in stile neoclassico e vi si trova anche l’obelisco di Nelson, spesso in restauro, con alla base quattro imponenti leoni in bronzo, su cui si arrampicano tutti.

 

In questo periodo dell’anno a Trafalgar c’è anche l’albero di Natale che illuminato è veramente suggestivo.

 

National Gallery e British Museum. Qui non ci sono parole per descrivere quello che si può vedere… ad entrambi i musei va dedicato almeno una giornata: quadri e dipinti al National e sculture al British, l’ingresso al National è tra le altre cose gratuito.

 

Al National passo un’ora buona davanti alla Venere delle Rocce di Leonardo… poi da Van Gogh a Canaletto, da Van Dyck a Tintoretto a tutti gli Impressionisti… è un vero e proprio pozzo senza fondo.

 

Al British mi incanto sempre davanti alla Stele di Rosetta… la studi a scuola ancora alle elementari e qui la vedi dal vivo…è una stele egizia che riporta un’iscrizione in tre grafie: geroglifico, demotico e greco. La stele fu la chiave di volta per la comprensione dei geroglifici in quanto il testo era lo stesso nelle tre lingue e fu scoperta nel 1799 durante la campagna d’Egitto di Napoleone.

 

Oltre a questo non ci sono poi parole per descrivere tutta la parte di sculture Assire e greche… Partenone e Tempio delle Nereidi… quanto ben di Dio… si rimane senza parole davanti a tanta magnificenza.
Questi sono solamente i due più famosi… ma Londra è piena di musei.

 

Un’altra giornata la dedico allo shopping… parto da Soho quartiere multietnico con una miriade di negozietti e locali di tendenza… Soho è il quartiere a luci rosse di Londra ed ha fatto storia per essere anche il quartiere con il maggior numero di gay. Da qui a piedi mi sposto su Oxford Street e vado a vedere i magazzini Liberty… come dice il nome parliamo di una struttura in stile liberty fantastica… dentro i vari piani dello store si affacciano con grandi balconate su una piazza centrale che è anche quella di ingresso… da qui giro l’angolo e trovo Carnaby Street tutta illuminata a festa… certo non è più la strada di tendenza di un tempo ma ha sempre il suo fascino!
La serata la finisco a Covent Garden. Natale qui è da non perdere… la piazza con il mercatino delle pulci è tutta colorata e gremita di artisti che suonano e turisti che gironzolano e fanno acquisti. Tutto quello esposto è fatto a mano da artigiani/artisti locali, cravatte dipinte a mano, sculture in legno, stoffe, tessuti,…

 

In ogni angolo c’è un ristorantino o un pub dove cenare… doveroso a Londra mangiare Fish & Chips o Cesar Salad… con pinte di birra che qui è un’istituzione… io nuoterei nella Guinness alla spina!

Si fa così il giorno della partenza… si torna a casa felici e sazi di emozioni.

 

Londra ha ancora tanto altro da mostrare… io ho scelto quello che mi piace, ma ogni volta che ci vado c’è qualcosa di nuovo da scoprire.