fbpx

Viaggio in Giappone

Il mio viaggio di nozze in Giappone inizia dall’antica Kyoto, famosa per i suoi templi buddisti e i giardini zen.

A Kyoto si respira storia e tradizione e uno dei quartieri che abbiamo amato di più è stato l’affascinante Gion, il quartiere delle Geisha.
Ricco di locali e sale da tè, dove può capitare di incontrare qualche autentica Geisha, è diventato famoso anche grazie ad alcuni romanzi e film hollywoodiani come “Memorie di una Geisha” dove è possibile ammirare alcuni scorci di questo quartiere.

All’interno di Gion c’è un antichissimo tempio buddista, il Kenninji, dove il monaco Yousai, suo fondatore, è colui che ha introdotto in Giappone la filosofia Zen e l’usanza del consumo del tè.

Il raffinato giardino zen al suo interno ospita le cosiddette San-zon-seki, un gruppo di tre pietre che rappresentano la trinità del buddismo e le Zazen-seki (letteralmente “pietre per sedersi e meditare”) posizionate in modo da offrire al visitatore una splendida vista da qualsiasi direzione.

Una bella sorpresa è stata la cucina, straordinariamente ricca e varia fatta non solo di sushi ma da tante specialità locali come i Dorayaki, dolci composti da due pancake con al centro una salsa di fagioli dolci, (buonissimi!) che si possono gustare in giro o nei tipici ristoranti giapponesi dotati di piastra calda dove cucinare personalmente il cibo ordinato.

2
1
Giappone | Desiderando Viaggiare
Giappone | Desiderando Viaggiare

Dopo tanto girovagare decidiamo di optare per un po’ di relax in tipico stile giapponese e ci concediamo un bagno caldo in un Onsen, bagni termali paragonabile alle nostre terme, dove i giapponesi amano andare per fuggire dal caos cittadino. E come dargli torto?

Negli Onsen i bagni sono separati tra maschi e femmine ed è vietato l’accesso alle persone con tatuaggi dato che sono solo i membri della Yakuza, la famigerata mafia giapponese, ad essere tatuati.

Salutiamo Kyoto e i suoi templi buddisti per dirigerci a Tokyo che raggiungiamo a bordo dello Shinkansen, il famoso treno super veloce, detto anche “treno proiettile”, che in pochissimo tempo ci porta a destinazione.

Più moderna rispetto a Kyoto, Tokyo ci colpisce per l’efficienza e la pulizia che la caratterizzano e l’ordine, nonostante i milioni di persone che la abitano, è sbalorditivo.

Visitiamo il Palazzo Imperiale di Tokyo, residenza ufficiale e principale dell’Imperatore del Giappone e proseguiamo per il divertente e colorato quartiere Akihabara, un vero e proprio paradiso per gli amanti degli anime, dei manga, della tecnologia e dei videogiochi.

Giappone | Desiderando Viaggiare
Giappone | Desiderando Viaggiare

Gli appassionati del genere possono trovare davvero di tutto all’interno dei megastore a più piani e girando per il quartiere si ha l’impressione di essere proiettati nel magico mondo dei cartoni animati della nostra infanzia.

Decisamente meno sfavillante ma ricco di tradizione e tranquillità è Asakusa, il quartiere buddista, che ha come fulcro principale il tempio Sensoji dedicato a Kannon Sama, la dea buddista della misericordia, ed è il luogo di venerazione più antico della città.

La via principale del quartiere passa davanti al Kaminarimon (Lanterna del tuono) con la sua imponente lanterna di carta rossa e tra le attrazioni principali ci sono i ragazzi vestiti con gli abiti tradizionali che portano in giro i turisti a bordo dei caratteristici risciò.

E’ arrivato il momento di lasciare anche Tokyo ma il nostro viaggio prosegue per l’arcipelago di Okinawa con le sue spiagge bianchissime caratterizzate da sabbia a forma di piccole stelline.

Il mare, grazie alla barriera corallina, è caldo e adatto per fare snorkeling e immersioni ed è possibile osservare rari esemplari di flora e fauna.

Gli ultimi giorni di viaggio passano tranquilli tra bagni di mare, escursioni alle risaie, buon cibo locale e incontri con simpatici bufali d’acqua, utilizzati dagli abitanti locali per spostarsi tra le isole di questo magico arcipelago.

Purtroppo il nostro viaggio è giunto al termine ma le bellezze dei luoghi unite alla gentilezza e all’ospitalità dei giapponesi fanno del Giappone un luogo da scoprire e nel quale tornare.